Questa volta il turnover non premia mister Carlo

Mezzo passo falso per un Napoli sottotono che sulla strada per Salisburgo si ferma sulla via Emilia impattando per 1-1 contro il Sassuolo. E proprio in vista del ritorno degli ottavi di Europa League Ancelotti fa le prove generali del match alla Red Bull Arena. Quindi davanti ad Ospina spazio a Chiriches al fianco di Koulibaly, squalificato per il round di Salisburgo, sulle corsie laterali Malcuit e Ghoulam, a centrocampo Diawara ed Allan, sugli out si rivedono Ounas e Verdi, tandem d’attacco formato da Insigne e Mertens.
Partono forte gli azzurri che vanno vicino al gol al 9’ con Mertens che sfonda al centro ma si fa rimontare da un difensore emiliano. Al 25’ Insigne lancia Ounas ma il franco-algerino si fa rimontare da Ferrari, 4 minuti dopo è Insigne a sprecare con una conclusione troppo centrale che Pegolo neutralizza senza troppe difficoltà.
Al tramonto del primo tempo è una provvidenziale diagonale di Malcuit ad impedire a Djuricic di capitalizzare un arrembante contropiede neroverde. Al 7’ della ripresa a sorpresa il Sassuolo passa in vantaggio: sul cross dalla destra sporcato da Allan la sfera finisce tra i piedi di Berardi che non perdona Ospina nonostante il tentativo in extremis di Luperto, subentrato a Chiriches, che non riesce ad evitare il gol. Incassato lo svantaggio, Ancelotti getta nella mischia Milik ed il redivivo Younes al posto dell’evanescente Ounas e Verdi per un Napoli a trazione anteriore. Eppure è Diawara ad impegnare seriamente l’estremo difensore emiliano con un gran tiro dalla distanza. Alla fine il forcing degli azzurri viene premiato al 86’ quando Insigne approfitta di un liscio di un difensore neroverde e con una conclusione a giro beffa Pegolo per l’1-1 finale che fa sprofondare il Napoli a -18 dai battistrada bianconeri.
Tuttavia è ormai evidente come gli azzurri abbiano mollato la presa sul campionato per giocarsi tutte le loro fiches sul tavolo dell’Europa League che a questo punto rappresenta il crinale tra una stagione trionfale ed una quasi fallimentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 3 =