Giorgia in concerto a Napoli al Teatro Palapartenope con in Pop Heart Tour

La scaletta del concerto di Giorgia al PalaPartenope di Napoli ha visto l’alternarsi dei più grandi successi della cantante romana ad alcune tra le canzoni più celebri della musica italiana, da lei omaggiate nel suo recente disco di cover, “Pop Heart”. Lo show inizia con un omaggio a Lorenzo Jovanotti sulle note dell’emozionante “Le tasche piene di sassi”. Ed è Jovanotti l’autore del brano (e di un featuring) tra i più famosi di Giorgia: “Tu mi porti su”, inserito come chiosa finale della serata.

Tra gli altri artisti omaggiati da Giorgia nel corso del concerto, gli Eurythmics con “Sweet Dreams (Are Made of This)”, Rihanna con “Stay”, Marco Mengoni con “L’essenziale”, Elisa con “Gli ostacoli del cuore” . Ovviamente non potevano mancare i grandi successi di Giorgia: “E poi”, “Come saprei” e “Di sole e d’azzurro” e tantissime altre come il duetto con Marco Mengoni “Come neve” cantata qui col suo corista Andrea Faustini, ex concorrente della versione inglese di X factor dove quell’anno emozionò il pubblico e Mel B, coach di quell’edizione ed ex membro delle Spice Girls, con la sua performance su un brano di Whitney Houston (“I Didn’t Know My Own Strength” / non sapevo la mia forza), anche Quando una stella muore, il momento disco con I feel love e Il mio giorno migliore, la nostalgica Girasole e Oronero.

Giorgia è stata accolta, come sempre con grande amore, dal pubblico napoletano che fin da subito l’ha omaggiata con cori e cartelloni fino ad essere molto partecipe con applausi e grida per tutte le 2 ore e passa di immenso show che solo una voce come quella di Giorgia può donare. Non stupisce la cosa se si pensa che ci troviamo dinanzi ad una voce potentissima, quasi sovraumana per quanto perfetta.

Il momento più emozionante della serata, senz’ombra di dubbio, il momento/omaggio a Pino Daniele sulle note di Anima, contenuta all’interno di Pop Heart, dove appare una Giorgia visibilmente commossa, ma la resa vocale non ne risente affatto… anzi!
Giorgia si è detta dispiaciuta di non aver potuto inserire in scaletta suoi pezzi come “ Non mi ami”, “ Marzo” o “Gocce di memoria” ma ha giustificato che a volte bisogna andare avanti e accantonare per un attimo il proprio passato, per poi recuperarlo in un secondo momento. La cantante, in questo modo, da modo di pensare che presto ci sarà altra nuova musica.

Giorgia ama Napoli e i napoletani e lo dimostra anche con i suoi discorsi durante il concerto, dove la cantante ha nuovamente confermato la sua devozione alla città, come quando racconta di aver registrato anni fa un intero album negli studi nei Camaldoli, quello di Peppino Di Capri e dicendo: << Napoletani siete speciali! Non sapete quanto vi invidiano per questo>>

LA SCALETTA

Le tasche piene di sassi
Una storia importante
Gli ostacoli del cuore
Io fra tanti
Scelgo ancora te
Sweet Dreams (Are Made of This)
Quando una stella muore
È l’amore che conta
Come neve
Dune mosse
I Feel Love
Il mio giorno migliore
La mia stanza
Ain’t Nobody
E poi
Come saprei
Strano il mio destino
Un amore da favola
Girasole/Tra dire e fare
Easy
Di sole e d’azzurro
Vivi davvero
Stay
Credo
L’essenziale
Oronero
Anima
Tu mi porti su

Marco Assante Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + tre =