De Laurentiis ne ha per tutti

Il patron azzurro Aurelio de Laurentiis è intervenuto a durante forum del CdS ‘il calcio che vogliamo’ a cui era presente anche il presidente della Lazio Lotito. Sulla questione stadio de Laurentiis non usa mezzi termini e ribadisce: “ll Napoli gioca in uno stadio mal messo, mi sono battuto e investirò tanti altri soldi, con le Universiadi vedremo un San Paolo ringiovanito.
Il problema dell’Italia però non sono solo gli stadi, il problema è il gioco – poi continua – “La cosa fondamentale è cercare di combattere la pirateria: il Governo è assente, ci sono alcuni che saranno interessati alla pirateria stessa e per questi non vengono fatte leggi apposite”. Il presidente azzurro non le manda certo a dire e richiama l’attenzione anche sul problema relativo alle curve: “Le curve non sono un tifo sano – dichiara – si spaccia fumo e cocaina nei nostri stadi, questo è il paese più corrotto del mondo, usiamo gli stewart che sono tutti d’accordo con la malavita”.
Il patron azzurro poi muove una critica verso vertici del calcio sul rispetto delle regole d’iscrizione. “Non si può permettere a qualcuno di spendere più di quanto fattura, Gravina controlli i debiti.
Come si può far ripartire i campionati con gente che ha dei debiti e continua a indebitarsi? Come si fa ad avere dei media che incitano spendere di più per comprare i grandi giocatori?”.
Ed a proposito di campioni il presidente partenopeo margine dell’incontro ha risposto anche ai dubbi sollevati sulla permanenza di Insigne: “Lorenzo è un giocatore del Napoli, è napoletano. Poi lui ha sempre dimostrato un lato un grande attaccamento alla maglia, se poi questa grande responsabilità di essere anche napoletano gli ha giocato nel passato e gli potrebbe giocare nel futuro qualche malcontento con quei tifosi, che – ribadisce – non sono tifosi, non posso certo obbligarlo a rimanere suo malgrado”. A fronte di queste dichiarazioni scottanti resta solo da chiedersi come la prenderanno i tifosi del Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + tre =