Caos trasporti, disagi per i turisti

La storia si ripete e se si tratta di trasporti nella nostra regione, i disagi e i picchi di criticità sono sempre dietro l’angolo, mai scongiurati. Le difficoltà ataviche legate al comparto fanno da contraltare al picco di turisti in città, divenuto una costante per Napoli e zone limitrofe. Un trend potenziato con le Universiadi previste in città fino al 14 luglio e per chi sceglie di raggiungere la penisola sorrentina c’è il pericolo di affrontare una vera via crucis. Si registrano disagi e malfunzionamenti in particolare per la circumvesiana. Dopo due settimane ancora un blocco causato dal guasto di un treno. Due ore e mezza di stop sulla linea Napoli- Sorrento. Il treno, stracolmo di turisti, fermo sotto la galleria di Pozzano tra Castellammare e Vico Equense. Scene apocalittiche, con passeggeri portati in braccio da macchinista e capotreno per il trasbordo da un treno ad un altro, con relativi costi ulteriori da pagare, per raggiungere privatamente la destinazione. Insomma non c’è pace per l’estate dei treni Eav, con episodi rocamboleschi, quasi surreali, e a pagarne, oltre agli sfortunati utenti, è l’immagine della città che non sta al passo ancora con la sua capacità di attrattore turistico. E l’ironia corre anche sul web con il logo vesuvianiadi e la maratona dei viaggiatori tra sassi, fatiche e borseggiatori. Quello della circum è solo l’ultimo disagio in ordine temporale, si registrano ormai da settimane stop e ritardi per il servizio funicolare e metro linea 1, gestiti dall’Anm, con corse saltate o sospese e anche i pullman circolano con notevoli difficoltà e ritardi a cui si aggiungono i disagi, seppur contenuti grazie alla sopraggiunta revisione, causati dal piano viabilità predisposto ad hoc per le universiadi. Dai vertici dell’Anm arrivano rassicurazioni:ci sono 20 nuovi treni per la linea 1. Da gennaio arriveranno i nuovi convogli e, allora, la situazione cambierà. Sono state potenziate le corse per funicolare e linea 1 nel weekend per il periodo delle universiadi e si proverà a mantenere lo stesso regime anche ad agosto. Disagi anche nelle isole. Trasporto in ginocchio a Capri per lo sciopero di 24 ore degli autisti Atc, l’azienda che gestisce il servizio su gomma dell’Isola azzurra. Al centro della protesta le cattive condizioni degli automezzi e la mancanza di un piano industriale di rilancio. Uno stop che ha causato notevoli disagi a residenti e turisti e determinato lunghe code ai taxi e zone pedonali trasformate in un formicaio umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =