Il  1° maggio 2019 all’Arenile di Bagnoli con brunch e il concerto di Alex Britti.

 

 

Per il 1° maggio 2019 all’Arenile di Bagnoli a Napoli un brunch con 12 ore di musica no stop e in serata il concerto di Alex Britti.

Dodici ore di musica no stop per chi ha deciso di festeggiare il 1° maggio all’Arenile di Bagnoli che da mezzogiorno e finito a mezzanotte sulle note delle canzoni di Alex Britti, special guest della serata.

 

Il concerto del celebre cantautore italiano iniziato alle 20.00 circa ha visto per circa due ore Alex performare le sue canzoni più celebri, ad un pubblico molto partecipe e in vena di far festa, vista anche la data simbolica in cui si è svolto l’evento. Tantissimi giovani e meno giovani che volevano divertirsi e scaricare  le proprie tensioni di un anno lavorativo accumulato.

 

Lo stesso Britti è stato molto partecipe e comunicativo col suo pubblico, rivelando che durante i concerti di solito esegue solo i suoi pezzi senza parlare, ma ieri qualcosa è cambiato e il cantautore romano si è sciolto e ha raccontato aneddoti tra un pezzo e l’altro: come quando ha parlato delle sue canzoni jazz, delle sue canzoni blues che si travestono da canzoni pop ma che in realtà sono melodie blues e profonde come il suo brano più celebre “Oggi sono io” cantato anche dalla grandissima Mina, dell’amore della sua chitarra che ha comprato anni fa in via San Sebastiano a Napoli e che durante il concerto si è lasciato andare in molti assoli di chitarra , e tanto altro ancora.

Alex chiude il concerto all’Arenile di Bagnoli con i suoi brani pop più energici e forti, che chiede di cantare in coro col pubblico e di ballarla al posto suo, dicendo di non essere molto bravo col ballo, con brani come “La vasca” con  il suo celebre tormentone “Mi bagno, mi tuffo, mi giro e mi rilasso, Mi bagno, m’asciugo e inizia qui lo spasso” e col brano “Solo una volta” e “Una su un milione”

Alla fine Alex Britti rivela di quanto sia una seconda casa ormai l’Arenile e forse per questo motivo che oltre a un grande cantante, un eccelso chitarrista (Alex ha chiesto al suo pubblico in quanti suonassero uno strumento e se conoscessero la differenza tra i vari stili come pop, jazz e blues) e anche per l’occasione un buon comunicatore.

 

Marco Assante Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + 3 =