Sfera Ebbasta al Teatro Palapartenope – Napoli

Dopo il grande successo dell’uscita del suo ultimo album “Rockstar”, già certificato triplo disco di platino nonché il disco più venduto in Italia nel primo semestre dell’anno (FIMI), e dopo gli innumerevoli sold out registrati in tutta Italia e in Europa con il suo “Sfera Ebbasta Rockstar tour” che ha contato oltre 50 date e milioni di spettatori, il rapper Sfera Ebbasta non intende fermarsi e a sorpresa annuncia lo“ Sfera Ebbasta – Popstar tour 2019” che ieri a Napoli (19 aprile) ha visto per la prima volta l’artista performare in un palazzetto cosi capiente.
Il pubblico, fatto dalla maggior parte di teenager o ragazzi ventenni ( la stessa età di Sfera ebbasta, classe 1992) era cosi caloroso, come poche volte ormai capita di vedere, specie con un artista cosi giovane, tanto da dare l’impressione di stare a un concerto di Freddie Mercury o di Madonna.

Sfera è salito alla ribalta grazie alla pubblicazione dell’album XDVR, inciso con la collaborazione del produttore discografico Charlie Charles, ottenendo un buon successo in Italia. Tale successo poi è esploso con le uscite di Sfera Ebbasta (2016) e Rockstar (2018), il secondo dei quali ha permesso all’artista di divenire il primo italiano ad entrare nella top 100 mondiale della piattaforma di streaming Spotify.

Il ragazzo è molto apprezzato anche da una leggenda della musica italiana come Vasco Rossi che su Repubblica ha dichiarato di adorare il genere trap e soprattutto Sfera ebbasta. Il ragazzo è seguito su Instagram persino dal re dell’hip hop d’oltreoceano, ossia Drake. Collaborazione in vista? Potrebbe essere
Un concerto imperdibile per la trap star più discussa e controversa ( e amata) del panorama italiano. Un tour che nel corso del mese di aprile vedrà il rapper impegnato nelle principali arene indoor italiane, tra le quali appunto Napoli. Un evento assolutamente imperdibile, visto l’enorme successo dell’album Rockstar, già certificato quadruplo platino dalla FIMI e disco più venduto in Italia del 2018.

Rapstar italiana e internazionale dell’era attuale, Sfera Ebbasta è senz’ombra di dubbio l’artista musicale del momento, con oltre 2 milioni e passa followers su Instagram. Primo artista italiano ad aver conquistato record di plays streaming del mondo su Spotify, è l’idolo del nuovo rap e icona di tendenze.

Nella serata di venerdì 19 Aprile Sfera Ebbasta ha confermato di essere un artista dal sound riconoscibile ed uno stile unico e inimitabile, che però sa interagire con altri grandi nomi nella scena Hip Hop Italiana come Luchè. Il rapper campano, infatti, era presente in veste di guest star e ha duettato con l’amico e collega.

Per non nascondersi dietro ad un dito, il cantante ha anche dedicato una canzone alle 6 vittime del suo concerto a Corinaldo, tristemente conosciuto alla cronaca come la strage di Corinaldo per l’appunto. Il trapper e il suo entourage furono molto criticati all’epoca tanto da far pensare che la sua carriera avrebbe subito un arresto e invece, forse più cosciente e cresciuto dalla tragedia, Sfera ebbasta continua a fare sold-out e scalare le classifiche a suon di musica, sperando che avvenimenti del genere non avvengano più ad un concerto, che ha sempre lo scopo di unire e rallegrare.

Il pubblico del rapper è senza ombra di dubbio molto giovane e forse dei testi cosi spinti non potranno sembrare da buon esempio con inneggi alla droga eppure ormai il panorama trap, lanciato in Italia proprio da Sfera, ha per natura proprio ed insita nel genere l’affrontare certi argomenti , basti guardare alla scena rap americana che è di base la più forte al mondo e da sempre vira verso tale direzione, altrimenti non si spiegherebbe il successo di tanti rapper, uno su tutti proprio Eminem.

Marco Assante Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 − cinque =